Lo stalking: pregiudizi e realtà a confronto

 

di Ambra Sansolini

Introduzione

Nel precedente articolo abbiamo intervistato ancora una volta Agnese, la protagonista del romanzo “Su ali di farfalla”. Attraverso la sua testimonianza, siamo venuti a conoscenza di alcuni particolari della violenza sulle donne, mai evidenziati dai mass media. Riteniamo pertanto che l’informazione precisa e cristallina su questa tragica realtà sia uno dei passi più importanti per scardinare alcuni pregiudizi sociali e luoghi comuni. Questi ultimi, pur facendo da contorno all’azione malevola del carnefice, in verità poi arrivano ad avere un ruolo centrale nella questione. L’aguzzino infatti trae forza nel perpetrare i soprusi, facendo leva su una serie di preconcetti che regnano tra la gente. Liberare le persone da tali catene mentali, significa quindi complicare il piano di distruzione ideato dall’uomo violento.
Alla luce di tutto ciò, appare chiaro come la violenza sulle donne riguardi ciascuno di noi con un margine di responsabilità ampio, sul quale dobbiamo iniziare a riflettere.

Leggi tutto “Lo stalking: pregiudizi e realtà a confronto”

Il silenzio: il castello tenebroso del carnefice

 

di Ambra Sansolini

Nella violenza psicologica rientra anche il silenzio. Una forma di vessazione difficile da notare e dimostrare, ma della quale un narcisista maligno o uno psicopatico si serve costantemente.

Leggi tutto “Il silenzio: il castello tenebroso del carnefice”

Una comunicazione che fa ammalare

 

di Ambra Sansolini

 

Introduzione

Solo chi ci è passato sa quanto possa essere distruttiva la comunicazione con un narcisista perverso. Tutte le vittime, pur non sapendo di cosa si trattasse, hanno provato tuttavia una sensazione di sfinimento e addirittura di disperazione. Come riesce il carnefice a portare la preda sull’orlo del baratro? E soprattutto usa questo tipo di comunicazione anche con gli altri?
Per cercare di non farci più irretire dalle trame del ragno velenoso, entriamo nello specifico della questione.

Leggi tutto “Una comunicazione che fa ammalare”

L’antitesi della vita

L’uomo NARCISISTA torna sempre. Non per amore, ma perché non accetta il rifiuto. Deve sempre dire l’ultima: non per chiarire qualcosa, ma per affermare il suo potere. L’ultima parola deve essere la sua; l’ultima mail la sua. Non puoi osare non rispondergli. Il silenzio può essere usato solo da lui per manipolarti a suo piacimento. Ma tu non puoi tacere, se egli ti fa una domanda.

Leggi tutto “L’antitesi della vita”

Psicopatia: sanità mentale o follia?

 

di Ambra Sansolini

 

Introduzione

Molto spesso, quando l’uomo che ha commesso l’omicidio della donna o altre violenze a danno della stessa, viene condannato, inizia da parte della difesa la finzione circa una presunta malattia mentale dell’assistito. Tutto ciò al fine di ottenere uno sconto di pena o addirittura l’impunibilità del reo. Ci sono casi in cui, è addirittura la parte lesa ad essere accusata di aver cagionato l’infermità mentale dell’abusante. E allora viene da chiederci: può essere folle, un soggetto che premedita e attua cinicamente la distruzione di una persona? Gode pienamente della salute mentale, un uomo ossessionato dall’idea di annientare l’ex compagna?

Leggi tutto “Psicopatia: sanità mentale o follia?”