L’abuso psicologico: nodo cruciale della spirale della violenza

L'abuso psicologico: nodo cruciale della spirale della violenza. Dove tutto inizia e riparte

 

di Ambra Sansolini

Dalle mappe concettuali dell’articolo precedente, è emerso chiaramente come il fulcro della spirale della violenza sia l’abuso psicologico: tutto ha inizio e si ripete a partire da questo tassello. Solamente recidendo il tragico ramo, possiamo iniziare ad assaporare la libertà. Poiché la violenza fa leva sulle nostre fragilità e mira a trasformare i i punti di forza in altre vulnerabilità.

La manipolazione, attuata dal soggetto patologico, viene poi amplificata da un intero sistema: ci sarà persino chi, tanto per il gusto di sfogare le proprie frustrazioni, si scaglierà contro la stessa vittima. Insomma, è fin troppo evidente come nessuno giunga a rompere il meccanismo perverso dei soprusi. Cosa dobbiamo fare allora per sfuggire a questa tremenda vessazione? In breve, riassumiamo alcuni passaggi:

1) non badare al giudizio degli altri: dipendere dalle opinioni della gente equivale a dimenticare chi siamo, per accettare invece di essere chi gli altri decidono per noi;
2) non dubitare delle proprie percezioni sensoriali: chi compie violenza, cercherà di convincerci che siamo pazze. Mai mettere in discussione le proprie sensazioni;
3) non interiorizzare colpe che non abbiamo: potrebbero farti credere che sei una poco di buono per indurti a mortificare l’aspetto esteriore. Le persone più colpite sono infatti quelle portate a riflettere anche sui propri errori. Iniziate a farvi scivolare tutto addosso;
4) sfuggire alle continue provocazioni dell’abusante: se vi mostrerete imperturbabili, smetterà di cercare la vostra reazione, perché saprà che non potrà nutrirsi più delle vostre emozioni;
5) evitate di confidare accadimenti personali, in quanto potrebbero esservi ritorti contro in un secondo momento;
6) non provate mai il senso di vergogna;
7) non isolatevi: parlare di ciò che subite, rafforzerà la vostra consapevolezza;
8) tenete sempre a mente tre cose: chi siete, cosa meritate e quali sono i vostri obiettivi;
9) usate i vostri pensieri, ma non lasciate che essi usino voi. Le persone che pensano troppo sono le più predisposte alla violenza psicologica;
10) c’è una formula salvifica, che non possiamo scrivere perché rientra nel turpiloquio, ma che potremmo spiegare così: davanti a qualsiasi opinione altrui, alle accuse calunniose e talora alle diffamazioni più gravi, fatevi una gran bella risata (ma che sia una risata di cuore e sentita, come quella della Sora Lella nei film di Verdone);
11) mai dimenticarsi di sé stessi: tutto quello che fate, imparate a farlo per voi;
12) mentre qualcuno sta tentando di distruggervi, osate chiedervi: “quanto mi amo?” “In che modo mi sto amando?” Sicuramente state sbagliando qualcosa verso voi stessi ed è in quella lacuna che si sta insinuando la violenza;
13) evitate di fare i giustizieri e di replicare in modo equivalente a ciò che avete ricevuto. Un celebre detto recita così: «Mai litigare con un idiota: vi batterebbe con l’esperienza». Uno degli effetti principali della violenza psicologica è infatti indurre un individuo a essere ciò che in verità non è. Tutto questo avviene in maniera subdola e progressivamente, senza che lo stesso bersaglio se ne accorga. Spesso anche quella che crediamo essere una difesa, in realtà ci sta rendendo ancora più vittime del sopruso;
14) mai pensare di cambiare qualcuno: cambiate persona;
15) fuggite da ogni frase ipotetica che inizia con “se”: si tratta di ricatti velati, che vogliono indurvi a essere come dice il carnefice;
16) quando vi accorgete di stare davanti a un manipolatore, evitate di cercare spiegazioni o fargli capire la vostra posizione: ogni parola può essere usata contro di voi. E ciò che doveva essere un chiarimento, potrebbe diventare una lotta titanica senza fine.

Il solo modo di sfuggire alla violenza è amarsi e amare la vita. E come affermava Oscar Wilde «amare sé stessi è l’inizio di una storia d’amore lunga tutta la vita».

Vai all’articolo sulla violenza psicologica

Leggi l’epilogo del romanzo “Su ali di farfalla”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.