Il respiro del cielo

Il respiro del cielo: Angeli Ccaduti senza memoria

 

di Umberta Di Stefano

 

Siamo girandole

che assaporano le carezze del vento,

da esso

ci lasciamo inondare e sconvolgere,

ma c’infastidisce

perché senza di lui noi saremo mortali,

statici, senza audacia….vendute dai mercenari

restiamo fedelmente attratte

soltanto

dal respiro del cielo

che non ci lascia mai sole. Siamo figli

dell’universo

perduti a volte nelle nostre sembianze terrene,

ci disperdiamo come biglie rotolando qua e là,

troppe volte dimenticando che noi siamo

Angeli Caduti senza alcuna memoria,

siamo antichi e nuovi peccatori,

siamo fatti della fragilità della materia

e siamo uomini, figli del cielo che ci protegge

come un padre.

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.